Prendersi cura di sé vuol dire, per me, aprirsi verso la propria interiorità. Che si faccia questo attraverso l’esercizio fisico o la meditazione o la preghiera non cambia tanto perché credo che la vera sofferenza stia nel nostro profondo. Educare a stare bene vuol dire aiutare un’altra persona a rendersi conto dell’importanza della parte invisibile nella vita. Aver fiducia nella Forza che c’è dietro la nostra vita fa sì che possiamo trovare una strada per lavorare seriamente anche per la nostra salute. Guidare le persone verso una migliore conoscenza di sé è l’unico modo per educare a stare bene.





Commento conclusivo di Giuseppe Giannoccaro;

Credo sia utile sottolineare il fatto che sui vari argomenti discussi sono possibili diverse interpretazioni e ulteriori approfondimenti che i lettori possono ricercare in altri elaborati o contattando personalmente le scuole. Dalle risposte spesso si evidenzia la diversità del tipo di pratica ma nello stesso tempo la condivisione di elementi basilari che si possono sviluppare solo con la pratica costante e la ricerca.
In questa corsa verso i titoli, i riconoscimenti a tutti i costi, le scuole di appartenenza che ormai accomunano il panorama nazionale delle arti orientali , mi sembra che spesso si perda di vista l’essenza vera di una cultura così diversa dalla nostra ma tanto profonda e affascinante. Forse c’è ancora spazio per il confronto, la ricerca, il semplice piacere d’ incontrarsi, di scambiare le esperienze. Questo è lo spirito e l’intenzione con cui è stata realizzata quest’intervista.




«« Pagina precedente


 

Novità

Vai alla news

Corso Meridiani Trieste 2015-2016

da novembre 2015 a maggio 2016 Vai alla news



Vai alla news

Corso Professionale Iokai Shiatsu

a Milano, Trieste, Legnano, Catania, in Trentino Alto Adige Vai alla news