Da ragazzo mi irritavo quando mia madre parlava della sofferenza. Vivevo con lei da solo e lei per passare le giornate in maniera utile visitava ogni giorno i malati che facevano parte della comunità della nostra chiesa protestante. Così tornando a casa p

Aspettando il Papa del benessere

Arie Spruit

Da ragazzo mi irritavo quando mia madre parlava della sofferenza. Vivevo con lei da solo e lei per passare le giornate in maniera utile visitava ogni giorno i malati che facevano parte della comunità della nostra chiesa protestante. Così tornando a casa portava con sé il dolore e la tristezza della gente. Andava regolarmente ai funerali degli anziani e così la morte faceva parte dei nostri discorsi quotidiani che spesso si trasformavano in agguerrite discussioni tra una madre vedova e un figlio adolescente. Ricordando ora la capisco, ma allora non volevo ascoltare, mi disturbava l’odore della morte e il colore nero che la circondava. Avevo altri desideri, sogni da realizzare, bisogno di sentirmi fiducioso come gli altri. Gli anziani, i vecchi, i malati non mi entusiasmavano, mi facevano troppo pensare alle regole, al dovere, alla chiesa. Nei loro discorsi c’erano sempre le malattie, gli ospedali e i funerali. Niente andava bene. C’era solo qualche nonno che adoravo perché mi portava in giro e mi mostrava gli animali e le piante del giardino. Per me la vita doveva ancora iniziare e la sofferenza non poteva avere un posto nelle mie fantasie . “Ogni casa ha la sua croce” si dice da noi, “ognuno porta la sua croce”, si dice in Italia. Non ci credevo affatto, la società olandese così moderna e all’avanguardia prometteva ben altro. Così gli anni passavano tra successi, delusioni, aspettative e imprevisti. I sogni sono rimasti, ma gli occhi che li guardano sono cambiati. Con mia madre ci siamo pacificati. Mi ricordo che nei suoi ultimi anni scherzava ogni tanto sul Papa dicendo che si facevano l’occhiolino perché erano coetanei. Ho avuto la fortuna di stare vicino a lei negli ultimi mesi e vedere come affrontava la sua sofferenza mi ha lasciato un segno profondo.

Pagina successiva »»


 

Novità

Vai alla news

Corso Meridiani Trieste 2015-2016

da novembre 2015 a maggio 2016 Vai alla news



Vai alla news

Corso Professionale Iokai Shiatsu

a Milano, Trieste, Legnano, Catania, in Trentino Alto Adige Vai alla news